Il mio carrello

Carrello € 0,00

Non hai articoli nel carrello.

Attacchi manubrio

48 oggetto(i)

Imposta ordine ascendente
per pagina

Griglia  Lista 

Filtra prodotti

48 oggetto(i)

Imposta ordine ascendente
per pagina

Griglia  Lista 

Filtra prodotti

Attacco manubrio

L’attacco manubrio è uno dei componenti della bici più sottovalutato dai ciclisti - che tuttavia sbagliano -, dal momento che un attacco della giusta misura incide sulla nostra postura, stile di guida e reattività della bici causando miglioramenti (o peggioramenti, nel caso di uno sbagliato) delle nostre performance. Una postura scorretta è infatti capace di portare a fastidiosi mal di schiena e a una posizione in sella sbilanciata troppo in avanti o indietro che compromette la stabilità e la sicurezza della bici.

Il modello di attacco manubrio più utilizzato è quello Aheadset, che si distingue da quello classico per la mancanza del gambo, sostituito da una chiusura a morsa che viene fissata direttamente al cannotto della forcella della serie sterzo.

Misure di un attacco manubrio

L’attacco manubrio si compone fondamentalmente di due misure, lunghezza ed inclinazione, che modificano consistentemente l’assetto di guida e la resa della pedalata.

Lunghezza

Non esiste una lunghezza universale per gli attacchi, anzi ogni disciplina ciclistica richiede una misura specifica dell’attacco manubrio. Per soddisfare le esigenze di tutti i biker, le varie case produttrici hanno iniziato a proporre per ogni disciplina modelli con diverse misure, così da poter coprire le varie dimensioni di telaio bici presenti in commercio utilizzate dai biker.

A parte il ciclismo, dove la lunghezza dell’attacco manubrio bici da corsa solitamente è standardizzata, ogni disciplina mtb prevede invece un certo utilizzo della bicicletta richiedendo quindi un attacco manubrio mtb apposito. Ad esempio, il Downhill richiede elevato controllo e reattività dello sterzo e quindi viene preferito un attacco manubrio mtb molto corto, solitamente di 40-50 mm, che garantisce una risposta rapida ai comandi. Nel Cross Country invece viene preferito un attacco più lungo, tant’è che le lunghezze variano dagli 80 ai 110 mm.

Viene quindi da chiedersi perché ogni disciplina ciclistica richiede delle lunghezze apposite. La risposta è semplice:

Un attacco manubrio corto avvicina il manubrio al torace, facendo così assumere una posizione del busto più spostata all’indietro, con un conseguente miglioramento della manovrabilità e del feeling con la bici durante la discesa. Per questo motivo sia nel Downhill che nell’Enduro vengono preferite lunghezze più corte, soprattutto nel downhill.

Un attacco manubrio lungo di contro, essendo più lontano dal busto, tende a farci allungare. Questa maggiore inclinazione del busto porta a uno spostamento del peso e del baricentro in avanti, molto utili soprattutto quando si affrontano salite ripide ed impegnative, dal momento che il peso scaricato sull’anteriore assicura una maggiore aderenza della ruota al terreno, un’aerodinamica migliore e una pedalata più efficiente. Per le discese invece potrebbe rivelarsi pericoloso, perché un baricentro spostato troppo in avanti potrebbe portare al rischio di overbar, ossia di cappottamento. Le mtb per Cross country, Marathon e All mountain date le specificità dei terreni utilizzano questo tipo di attacco.

Inclinazione

L’inclinazione dell’attacco manubrio si riferisce all’angolo positivo o negativo che intercorre tra l’asse centrale dell’attacco manubrio e il piano perpendicolare all’asse del cannotto della forcella. In caso di angolo negativo (positivo) si ottiene un abbassamento (innalzamento) del manubrio, con conseguenti implicazioni sulla postura del biker.

A parità di altre condizioni, un’inclinazione positiva porta ad assumere una posizione più seduta con un baricentro più alto, un’inclinazione negativa di contro comporta una posizione più distesa del busto e dunque un abbassamento del baricentro.

Le inclinazioni negative sono molto utilizzate nell’attacco manubrio bici da corsa e nelle mtb Cross country, dal momento che queste portano ad una postura più inclinata che, come ben sappiamo, giova all’aerodinamica e favorisce la pedalata. All’opposto l’attacco manubrio mtb con inclinazione positiva è molto apprezzato da chi pratica discipline gravity come Downhill e Freeride, che richiedono un baricentro spostato più all’indietro.

L’inclinazione dell’attacco manubrio mtb è tuttavia influenzata dalle caratteristiche proprie del manubrio mtb, come il rise e gli angoli. Infatti, in base alle varie combinazioni di questi tre elementi si può ottenere una accentuazione o attenuazione del rialzo dell’attacco: un’inclinazione positiva con un manubrio mtb riser e un backsweep di 7° producono un effetto diverso sulla guida rispetto ad un’inclinazione negativa con manubrio mtb flat e upsweep di 5° e così via con le altre combinazioni.

Materiali dell’attacco manubrio

I modelli più recenti utilizzano leghe metalliche pesanti come l’acciaio o molto leggere come l’alluminio, come nell’attacco manubrio Ritchey WCS 4 axis WB 73D. Non mancano ovviamente quelli realizzati in materiali compositi come la fibra di carbonio, presente ad esempio nell’attacco manubrio FSA k-force light carbon 31,8x6.

Eccetto i modelli composti da alluminio o acciaio dal costo contenuto, gli altri attacchi che utilizzano materiali più leggeri e resistenti presentano un costo finale molto elevato, tant’è che entriamo nel mondo della componentistica di fascia alta.

Se si vuole prendere un nuovo attacco, è buona norma valutare innanzitutto i seguenti fattori:

  • Dimensioni antropomentriche
  • Lunghezza dell’OV e taglia della bici
  • Modalità di utilizzo della mtb
  • Stile di guida e preferenze

 

Successivamente si passerà alla fase di valutazione delle varie alternative. In questo caso bisognerà:

  • Confrontare le geometrie dell’attacco nuovo con quello che si sta sostituendo.
  • Provare l’attacco manubrio mtb in percorsi con diverse caratteristiche per verificarne l’idoneità e l’adattabilità ai vari contesti.
  • Provare l’attacco in uscite con durate differenti in modo da testare il confort alla guida.

 

Tra i vari modelli proposti sul mercato, se si vuole puntare ai top di gamma proponiamo l’attacco manubrio FSA, Bontrager o Specialized. Per chi invece cerca un modello meno costoso ma comunque di ottima qualità, Cingolani commercializza vari modelli di attacco manubrio Ritchey, Crankbrothers, Renthal e Race Face.

Se non sai quale modello prendere, contatta gli esperti del nostro servizio clienti. Ti aiuteranno a trovare quello che meglio rispecchi le tue preferenze e le tue attese.

Vendita online di prodotti ciclismo: categoria Attacchi manubrio in Componenti.